Iannarelli (SI L’Aquila) : “Sui migranti la destra aquilana soffia sul fuoco”

-A pochi giorni di distanza dall’assassinio di Soumaila Sacko, migrante regolare del Mali, padre di una bambina di 5 anni, bracciante e sindacalista impegnato nella lotta allo sfruttamento di chi, come lui, lavora nei campi per pochi euro al giorno, i rampanti e zelanti consiglieri di maggioranza Roberto Santangelo e Luca Rocci non trovano altro di meglio da fare che soffiare sul fuoco dell’intolleranza e alimentare la becera propaganda contro gli immigrati-.
E’ dura e senza giri di parole la replica di Pierluigi Iannarelli, segretario del circolo di “Sinistra Italiana L’Aquila”.
-Anziché ergersi a paladini della legalità, sarebbe il caso di provare a comprendere il dramma dell’immigrazione, sia dal punto di vista personale, del singolo individuo, che il suo impatto sociale sulla collettività. Negli ultimi trent’anni l’Italia ha prima ignorato e sottovalutato il fenomeno, oggi invece lo considera un problema al punto che lo combatte con tutte le sue forze. E’ tempo di cambiare mentalità, impostazione e approccio al tema perché l’immigrazione è, oltre a un fatto naturale e fisiologico, una risorsa necessaria al futuro del nostro Paese-.
Secondo Iannarelli va cambiata l’agenda -Le priorità dell’azione politica non dovrebbero essere l’odio e il populismo, bensì l’integrazione e temi come lo jus soli. Queste sono le grandi battaglie che dobbiamo portare avanti per rendere il nostro un Paese civile nel vero e proprio senso della parola-.

Circolo Sinistra Italiana L’Aquila

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *