Piccolotti-Licheri (SI-Liberi e Uguali) : “Dal gruppo Maran brutte notizie per Umbria e Abruzzo, serve un tavolo al Mise per scongiurare la delocalizzazione”

Elisabetta Piccolotti

Daniele Licheri

Stipendi arretrati, licenziamenti collettivi, ferie forzate, filiali chiuse dall’oggi al domani. E’ questa la situazione che si trovano di fronte da alcuni mesi i lavoratori e i rappresentanti sindacali del gruppo Maran, azienda di riscossione del credito con sede centrale a Spoleto in Umbria. La mobilitazione di queste ultime ore con il presidio organizzato dalle sigle sindacali a Spoleto e lo stato di agitazione che perdura da almeno due mesi a Spoltore in provincia di Pescara ci impegna a raddoppiare gli sforzi per dare un contributo utile alla vertenza a partire dall’attività parlamentare tramite un’interpellanza complessiva sulla crisi del gruppo Maran per chiedere un tavolo di crisi al MISE da presentare tramite il nostro deputato Giovanni Paglia che ha  già ha prodotto un’interrogazione specifica sul caso del call center pescarese. La situazione dell’Arca Voice di Spoltore ha registrato negli ultimi giorni un ulteriore inasprimento dei rapporti vista la discriminazione che si sta operando sul pagamento delle spettanze tra chi ha conciliato (pagato cash nel giro di un mese) e chi no (senza un euro alle porte del Natale). L’impegno istituzionale ha il suo peso ma anche dei limiti nell’efficacia dell’azione ed è per questo che intendiamo ribadire la nostra totale disponibilità a partecipare e sostenere tutte le iniziative di lotta e di mobilitazione che lavoratori e sindacati vorranno mettere in campo.

Elisabetta Piccolotti – segretaria regionale SI Umbria, Liberi e Uguali
Daniele Licheri – segretario regionale SI Abruzzo, Liberi e Uguali

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *